Running: infortuni e scarpe, per noi non dovrebbe fare rima!

La corsa è uno sport bellissimo, avvincente e secolare, accessibile a tutti. Ma se la corsa è innata, la pratica che facciamo, a volte, può portare il nostro corpo oltre i suoi limiti.

Blessures_chaussures_running

Preferiamo lasciare che l'allenatore sportivo Jérôme Sordello, consigliere running DECATHLON e autore di diverse 'Bibbie del corridore', lo spieghi meglio di noi.

1/ Nella corsa, la migliore prevenzione degli infortuni è la progressività!

“Quasi la metà dei corridori si infortuna ogni anno, con conseguente limitazione o cessazione della corsa in un caso su due. Per prevenire questi infortuni è necessario innanzitutto rivolgersi alle cause che possono essere molteplici e molto varie: volume di allenamento, rigidità dei muscoli posteriori della coscia, affaticamento, scarpe, tipo di superficie, elevazione o anche passato traumatico del corridore. Infatti, più di ciascuno di questi fattori, il verificarsi di un infortunio è spesso legato a un cambiamento troppo grande o troppo rapido, cioè senza progressione, di alcuni di questi fattori."

Anche se Jérôme conferma che la scarpa è raramente l'unica causa di infortunio, in Decathlon prendiamo molto sul serio l'impatto delle nostre scarpe sulla salute del corridore.

Jerome_Sordello_coach_running

2/ In termini di scarpe da corsa, cosa può fare decathlon?

In Decathlon, la nostra responsabilità di designer è studiare come le nostre scarpe KALENJI (per il jogging), KIPRUN (per il running performance) o EVADICT (per il trail running) possono aiutare a ridurre il rischio di lesioni.

E per questo sollecitiamo muscoli e cervelli!

Questo è il ruolo di Decathlon SportsLab, il nostro centro di ricerca sull'organismo sportivo, dove una cinquantina di esperti (medici in biomeccanica, fisiologia, termofisiologia, ecc.) studiano l'effetto del prodotto sul corpo umano e da 20 anni è coinvolto nello sviluppo di prodotti che contribuiscono al benessere e alla sicurezza degli atleti.

Vi invito a scoprire alcuni risultati interessanti di questo lavoro, e più nello specifico quelli riguardanti i curiosi corridori che siamo.

Sono stati condotti dal Decathlon Sportslab in collaborazione con il laboratorio di ricerca del Luxembourg Institute of Health (LIH).

Kiprun_SportsLab_Decathlon

3/ L'ammortizzazione morbida sembra preferibile per i corridori leggeri in termini di rischio di lesioni. Il peso corporeo non ha alcun effetto sull'incidenza delle lesioni.

(studio LIH su 848 corridori - 2018)

848 corridori di tutti i livelli, distribuiti casualmente per formare 2 gruppi, sono stati seguiti per 6 mesi. Un gruppo ha corso con un modello di scarpa con un'ammortizzazione molto morbida, l'altro gruppo ha corso con un modello di scarpa con un'ammortizzazione molto rigida. I due prototipi di scarpe erano rigorosamente identici, tranne che in termini di ammortizzazione (35% di differenza). Durante i 6 mesi di follow-up, i corridori ci hanno riportato i dati relativi al loro allenamento e ai loro infortuni, che ci hanno permesso di studiare l'effetto dell'ammortizzazione e del peso corporeo sul rischio di infortunio.

Le analisi statistiche mostrano che di tutti i corridori osservati:

il rischio di infortuni è stato inferiore per il gruppo che utilizzava la scarpa con l'ammortizzazione molto morbida.

il peso corporeo non ha alcun effetto sull'incidenza degli infortuni durante la corsa.

Le analisi statistiche mostrano inoltre che:

nei corridori leggeri (peso inferiore a 78 kg negli uomini, 63 kg nelle donne), sembrano preferibili scarpe con un'ammortizzazione molto morbida per limitare il rischio di infortuni.

nei corridori pesanti (massa superiore a 78 kg negli uomini, 63 kg nelle donne), non vi è alcun effetto dell'ammortizzazione delle scarpe sul rischio di lesioni.

Sulla base di queste lezioni, i nostri ingegneri delle scarpe sviluppano nuovi modelli che favoriscono un'ammortizzazione più morbida.

4/ Un drop ridotto sembra preferibile per i principianti o per i corridori occasionali

(Studio LIH su 553 corridori - 2018)

Sono stati seguiti per 6 mesi 553 corridori di tutti i livelli, divisi casualmente in 3 gruppi e dotati di drop da 10 mm o 6 mm o 0 mm.

I tre prototipi di scarpe erano scarpe standard, rigorosamente identiche, tranne che in termini di drop. Durante i 6 mesi di follow-up, i corridori ci hanno riportato i dati relativi al loro allenamento e ai loro infortuni, che ci hanno permesso di studiare l'effetto della caduta della scarpa sul rischio di infortunio.

Le analisi statistiche mostrano che in tutti i tester, il drop delle scarpe non era associato al rischio di lesioni. Tuttavia, l'effetto del drop sul rischio di infortunio dipende dal profilo del corridore!

Mentre una scarpa con drop ridotto sembra preferibile in termini di limitazione degli infortuni per i corridori occasionali (meno di 6 mesi di pratica di corsa negli ultimi 12 mesi), sembra preferibile utilizzare una scarpa classica per i corridori regolari (più di 6 mesi di pratica di corsa negli ultimi 12 mesi) al fine di limitare l'incidenza degli infortuni.

Ecco perché offriamo scarpe con diversi drop.

5/ Il concetto k-only, per una scarpa che si adatta a tutti i tipi di appoggio

(studio LIH su 372 corridori - 2012)

372 corridori regolari divisi casualmente in 2 gruppi sono stati seguiti per 6 mesi. Il tipo di piede (pronatore, neutro, supinatore) dei corridori è stato valutato prima dell'inizio del follow-up. Un gruppo ha corso con un modello di scarpa senza il concetto di controllo della pronazione, l'altro gruppo ha corso con un modello di scarpa dotato del concetto di controllo della pronazione. I due prototipi di scarpe erano rigorosamente identici, fatta eccezione per la presenza o l'assenza del concetto di controllo della pronazione K-only. Durante i 6 mesi di follow-up, i corridori ci hanno riferito i loro dati di allenamento e infortunio, il che ci ha permesso di studiare l'effetto del concetto di anti-pronazione K-only sul rischio di infortunio.

Le analisi statistiche mostrano che il sistema di controllo della pronazione K-only aiuta a limitare l'incidenza di infortuni nei corridori con piedi pronatori. Il sistema K-only non influenza il rischio di infortunio nei corridori con piedi neutri o supinatori; Si adatta quindi bene a tutte le falcate.

Patrice

Patrice

Product engineer - Trailer (6 Templiers) e road runner (1h17 su mezza maratona) 30 anni di corsa e una passione immancabile (a parte il menisco ma mi sto prendendo cura di me stesso!).