Sulla rampa, sui moduli o per strada, lo skater rischia sempre di farsi male. Proponiamo qualche regola per far salire l’adrenalina senza finire sotto morfina.

1) ACCESSORI DI PROTEZIONE VS ACCESSORI DI MODA

Per non farsi male in skate, la soluzione migliore è proteggere i punti più esposti: soprattutto testa, polsi e ginocchia. Con gli accessori di protezione – come casco, ginocchiere, parapolsi o anche dei semplici guanti rinforzati –, non si eviteranno brutte cadute ma gli slide saranno più controllati.

Le protezioni, un accessorio obbligatorio per gli skater su rampa che raggiungono altezze importanti, sono poco apprezzate da chi fa street, secondo cui invece limitano la libertà di movimento. Ma quando gli amici vedranno un 360 flip crooked grind ben fatto, si dimenticheranno subito delle tue protezioni che non fanno tendenza.

 

- Soprattutto, non dimenticare che le cadute sono inevitabili e le protezioni servono a cadere senza farsi male, e quindi ad andare più veloce! -

2) L’IMPORTANTE NON È CADERE: È ATTERRARE

Se cadere è inevitabile, puoi sempre limitare i danni con qualche semplice mossa per gestire l’atterraggio. Questi consigli utili in ogni situazione ti aiuteranno ad ammortizzare gli urti:

• Caduta in avanti: piega la testa in avanti, proteggi le braccia e rotola sulle spalle ( se porti le ginocchiere, puoi anche scivolare sulle ginocchia);

• Caduta all’indietro: piega la testa in avanti, solleva le gambe e quindi appoggia le mani a terra per ammortizzare;

• Caduta laterale: cadere su un solo braccio e curvare la schiena per proteggere la testa.

 

Infine, non dimenticare la velocità: influisce direttamente sulla caduta ma anche sulla forza dell’impatto. Per finire in bellezza a velocità sostenute, bisogna proseguire il movimento (correre, spingere, planare) invece di frenare bruscamente.

In generale si resterà morbidi, sulla tavola o meno, per non cadere sull’asfalto limitando così il rischio di farsi male.

I nostri consigli per non farsi male in skate

FIN QUI, TUTTO BENE: SENTIRSI SICURI

Spesso è proprio la paura di farsi male a causare una caduta: la tensione limita il controllo e la capacità di eseguire il movimento giusto. Ma devi sapere che cadere non è mai una fatalità, e fa parte dell’apprendimento. La fiducia è sempre l’alleata numero uno dello skater. Un brutto passaggio? Non esitare: risali sulla tavola, riprova e lascia il blocco mentale allo psicanalista. Per migliorare, tenta mosse diverse in base al luogo e al tipo di acrobazia.

 

Fai attenzione, invece, a non sopravvalutare le tue capacità.

Più le caviglie si gonfiano, più corri rischi inutili e pericolosi. Devi sapere come fermarti: con i piedi sulla tavola, ma anche e soprattutto a terra. Quando provi un trick su un punto da paura, devi iniziare a simulare i movimenti senza correre rischi. In questo modo è come se, prova dopo prova, lo spot si facesse più «piccolo» e «accessibile» fino a quando non ti senti pronto a lanciarti nel trick vero.

Allora, fai il pieno di fiducia senza mai dimenticare i tuoi limiti. Il punto, infatti, soprattutto nello skate, è trovare il giusto equilibrio tra questi due elementi.

QUESTI CONSIGLI POTREBBERO INTERESSARTI: