COMPORTAMENTO CORRETTO DURANTE LO SNORKELING: RISPETTIAMO IL MARE!

Un comportamento rispettoso dell’ambiente occupa un posto sempre più importante durante la pratica dello snorkeling. Infatti, ad oggi il mare è teatro di svariate attività sportive, alcune delle quali richiedono un’attenzione particolare verso l’ambiente, come appunto lo snorkeling. Infatti, questo sport ha il principale vantaggio di osservare i fondali marini usando semplicemente una maschera, un boccaglio e un paio di pinne.

Benché questa attività sembri innocua e attragga un numero sempre più importante di praticanti, richiede un’attenzione particolare al fine di garantire un avvenire florido alla flora e alla fauna marina.

Scopri in questo articolo i nostri diversi consigli per salvaguardare il nostro ecosistema.

OSSERVARE SENZA DISTRUGGERE

Al fine di elaborare una lista dei giusti comportamenti da tenere nello snorkeling, la marca Decathlon dedicata alla subacquea, Subea, si rivolge a uno dei propri partner, il laboratorio azzurro, per redigere una guida pratica. Da oltre 25 anni, questo organismo moltiplica gli interventi lungo i litorali e sui fondali marini nel Mediterraneo. Infatti, contribuisce alla gestione sostenibile del territorio e lavora alla conservazione di questo ambiente attraverso l’educazione, la sensibilizzazione, la mediazione e la formazione professionale. Collaboriamo anche con un’altra associazione di subacquea, longitude 181 nature, che ci propone la carta del sub responsabile mirata a definire il miglior comportamento possibile.

Spingendoci oltre, elenchiamo i diversi comportamenti da adottare al fine di mantenere un ambiente sano e pulito per le generazioni future.

A FAVORE DEL PIANETA

Elenchiamo le diverse buone prassi mirate a preservare gli oceani:

- In mare o sulle coste, è vietato gettare rifiuti. In quest’ottica, è bene prevedere l’uso di un contenitore per poterli smaltire in un secondo momento attraverso la raccolta differenziata.

- In acqua, al fine di proteggere il corpo pur preservando la natura, si raccomanda di utilizzare latte solare anziché oli non solubili.

- Per quanto riguarda le specie sottomarine, evitare di nutrirle e anche di perturbare l’equilibrio dei fondali con prelievi o capovolgendo le rocce. A ogni modo, è possibile fotografare tutto ciò che si vede.

- Per le imbarcazioni, le zone sabbiose o i segnali previsti a questo scopo sono i punti migliori in cui sostare al fine di limitare l’impatto sull’ambiente.

- Come in numerosi sport o hobby, ci sono regole da rispettare. Per la pesca subacquea, esistono limiti quantitativi, di taglia e soprattutto divieti per specie da non pescare. Sul fronte immersione, sono “visitabili” specifiche zone in determinati periodi. Per qualsiasi informazione extra, la capitaneria di porto e gli altri enti a difesa e tutela dell’ambiente marino restano a disposizione.

- Per la manutenzione, è opportuno risciacquare l’attrezzatura da snorkeling con acqua dolce. Per le imbarcazioni, sono disponibili più aree di pulizia; a ogni modo, alcuni prodotti sono vietati per evidenti ragioni di inquinamento.

Appuntamento sul blog Subea per scoprire le novità della marca e condividere le esperienze degli appassionati di snorkeling.

INIZIO PAGINA