AVVICINARE I BAMBINi AL NUOTO: 
COME FARLO?

Come introdurre tuo figlio al nuoto? Facciamo un focus sui diversi metodi adatti a tuo figlio, alla sua età e alle tue aspirazioni.

initier-son-enfant-a-la-natation-comment-faire

Vuoi far familiarizzare il tuo bambino con le gioie dell'acqua? Per introdurlo al nuoto prima dei 6 anni - generalmente l'inizio dell'apprendimento del nuoto - esistono alcune fasi: risveglio e scoperta dell'acqua, baby nuotatore, facilità acquatica... Sia che lo accompagni tu stesso o che impari durante le lezioni, qui trovi il consiglio di un istruttore e di un terapista psicomotorio per insegnargli i giusti riflessi.

QUALI SONO I BENEFICI DEL NUOTO PER IL MIO BAMBINO?

Innanzitutto, perché è importante introdurre il  bambino al nuoto il prima possibile? Ecco 5 buoni motivi :

Initier son enfant à la natation : comment faire ?

PREPARARSI A NUOTARE PER ESSERE SICURI

Il primo motivo è la sicurezza. Imparare i giusti riflessi - saper galleggiare sulla schiena, sbattere braccia e gambe, soffiare nell'acqua - può consentire a un bambino di raggiungere il bordo di una piscina o di un pontile senza cedere al panico... e anche a te.

SVILUPPARE LA PSICOMOTRICITÀ

Come per gli adulti, i vantaggi del nuoto sono numerosi. Insegnare a un bambino a nuotare lo farà evolvere a livello psicomotorio, scoprire le gioie della libertà di movimento sott'acqua. Domerà il suo corpo ei suoi limiti e svilupperà le sue sensazioni a contatto con l'universo acquatico.

Initier son enfant à la natation : comment faire ?

FARE SPORT E PRENDERSI CURA DELLA SALUTE

Anche da giovanissimo, il nuoto gli permetterà di tonificare, sviluppare la sua resistenza, la sua flessibilità articolare e muscolare, e anche la sua capacità respiratoria. A proposito, lo sapevi che i bambini con asma sono incoraggiati a nuotare?

Initier son enfant à la natation : comment faire ?

UN PASSAPORTO PER IL PIACERE

Imparare a nuotare gli servirà anche per tutta la vita, per adattarsi a tutti gli ambienti balneari: lago, mare, piscina. In questo modo può anche considerare di praticare altri sport acquatici e nautici. A lui le gioie del surf, della pallanuoto, del nuoto artistico, delle immersioni, della vela, del sup, della canoa, ecc.

ARRICCHIRE IL VOCABOLARIO

Piedi nell'acqua, lavoriamo anche sulla lingua! Attività ideale per familiarizzare il tuo bambino con l'anatomia del corpo umano. Imparare a nuotare gli permetterà di acquisire nuove parole : 
- tutte le parti del corpo utilizzate dal nuoto: schiena, gambe, cosce, polpacci, braccia;
- vari muscoli: addominali, bicipiti, ecc.

IL PRIMO CONTATTO CON L'ACQUA: IL BAGNETTO A CASA

L'introduzione del bambino al nuoto inizia a casa! È quasi ora del bagno? Perfetto. Ecco alcuni suggerimenti per far familiarizzare il tuo bambino con l'acqua fin dalla tenera età.

Per i bambini, il solo fatto di mettere un fondo d'acqua nella vasca da bagno e di innaffiare accuratamente i capelli è un primo contatto imprescindibile. Quando il bambino si siede, a volte è difficile bagnarsi la testa, perché potrebbe aver paura dell'acqua che gli scorre negli occhi. Siate voi stessi rilassati, usate per prime le mani, poi bicchierini o annaffiatoi da spiaggia, piuttosto che la doccia che può risultare un po' spaventosa!
Quando è più grande, invitalo a mettere la testa all'indietro o un asciugamano sugli occhi, se preferisce. Puoi suggerirgli di sdraiarsi supino nella vasca da bagno. Poi, a pancia in giù, insegnagli a calciare i piedi. Mostragli anche come fare le bolle nell'acqua... Puoi anche insegnargli i meccanismi della respirazione attraverso il naso e la bocca e spiegargli così come espirare e inspirare.
A casa, quindi, per te e il tuo piccolo sono a disposizione una moltitudine di possibilità per aiutarlo a domare l'elemento liquido.

Initier son enfant à la natation : comment faire ?

QUANDO INIZIARE IL RISVEGLIO ACQUATICO?

Per il risveglio acquatico : prima è meglio è. Tra 3 e 6 mesi, dopo i primi vaccini, possiamo iniziare a portare il bambino in piscina in modo che acquisisca familiarità con specchi d'acqua più grandi del bagnetto. La sfida è promuovere un primo contatto pieno di gioia e felicità.
Ad esempio, puoi iscriverti ad alcune sessioni  "baby". A questa età, dimentichiamo l'allenamento intensivo ;) — potrebbe anche danneggiare i polmoni —. L'obiettivo è abituarlo al mondo acquatico passo dopo passo in un ambiente sicuro. Sarà anche un'occasione per condividere bei momenti insieme.
Alcuni club di nuoto offrono il “giardino acquatico” dai 18 mesi ai 3 anni. È un percorso  giocoso e breve, dai 20 ai 30 min. Mira ad acquisire le prime abilità al passo del bambino e alla presenza dei genitori. Tutto questo in un'atmosfera di divertimento, relax e scoperta. L'obiettivo è insegnargli la posizione sicura sulla schiena, per consentirgli di tornare a bordo piscina dall'età di 3 anni.

FACILITA' ACQUATICA: A CHE ETA' IL TUO BAMBINO DEVE PREPARARSI PER IL NUOTO?

Per preparare il vostro bambino all'apprendimento del nuoto, l'età per iniziare dipenderà molto dalla sua facilità acquatica iniziale. Appartiene a tutti tra i 3 e i 6 anni. Si nota che, spesso, i bambini che vivono in riva al mare si trovano a proprio agio più giovani in acqua. Di solito possono iniziare a imparare a nuotare prima.

Marie, psicomotricista, ci spiega che “tra i 3 ei 6 anni un bambino può essere in grado di assimilare diverse fasi utili del nuoto. In principio, la locomozione. Poi,  dall'età di 4 anni, può imparare i movimenti per nuotare da solo. Intorno ai 5 anni riesce a coordinare i suoi gesti”. Per lavorare su queste diverse fasi, le piscine propongono spesso corsi ludici.

Questa facilità è l'indicatore giusto per iniziare l'apprendimento del nuoto. Come fai a sapere che tuo figlio è a suo agio in acqua? Marie spiega che osserviamo “un calo del suo tono. È più calmo e ha capito il galleggiamento”. Si parla anche di facilità acquatica dal momento in cui è in grado di spostarsi in acqua, come un “cagnolino” ad esempio.

Initier son enfant à la natation : comment faire ?

ACCOMPAGNAMENTO ACQUATICO, LE GIUSTE CONDIZIONI

A seconda della sua età, della sua facilità o del suo livello, il bambino non si pone allo stesso modo in acqua. Man mano che cresce, si sposterà successivamente dalla posizione verticale alla orizzontale e arriverà alla posizione del nuotatore. L'obiettivo dell'accompagnamento acquatico sarà quello di fargli attraversare queste diverse fasi nelle migliori condizioni.
Ecco un buon consiglio da parte di Sandra, istruttrice: introdurlo all'acqua e al nuoto attraverso il gioco. “Il bambino deve divertirsi! ". Ci dilettiamo, ci divertiamo, qui non si parla di obiettivi e nemmeno di competizione.
E soprattutto fai le cose solo se vuoi: 0 vincoli. L'obiettivo è instaurare un senso di fiducia nei confronti dell'elemento liquido. Se necessario, porta accessori giocosi : anelli, giocattoli che sputano acqua, annaffiatoio, ecc. Scegli ciò che è rassicurante, colorato, divertente.
L'ideale per un buon accompagnamento acquatico è avere tempo, per evitare qualsiasi pressione o stato di stress. Sii calmo e paziente. Sii pedagogico, sicuro di te stesso e attento a reagire rapidamente e in modo rassicurante quando necessario. Spiega anche cosa farete insieme.
Preferisci l'acqua calda in cui il bambino si sentirà bene e vorrà rimanere. Più piccolo  è, più brevi dovrebbero essere sessioni, da 10 a 15 minuti all'inizio. Non esitate a ripetere gli esercizi, in modo da accertarvi che un passo sia ben acquisito prima di passare a quello successivo.

Initier son enfant à la natation : comment faire ?

PREPARAZIONE AL NUOTO IN FAMIGLIA: IN PISCINA, AL MARE O IN LAGO

Approfitta delle uscite in piscina o vacanze in famiglia in riva ad uno specchio d'acqua per divertirti e introdurre il tuo bambino al nuoto. Se tu stesso sei molto a tuo agio nell'immersione, la tua presenza è la più rassicurante per lui.
Se l'acqua lo spaventa, la cosa migliore è prenderlo tra le braccia, mettergli delicatamente un po' d'acqua in testa e scendere a poco a poco nella vasca insieme. Gesti parole e voce dovrebbero essere gentili e rassicuranti, la voce calma, per mostrargli che non c'è nulla di cui aver paura.

Se il bambino è a suo agio, Sandra, istruttrice, consiglia di suggerirgli di sdraiarsi sulla schiena. Puoi mettere un noodle da piscina sotto le sue braccia. Le nostre mani lo tengono sotto il collo. Il suo mento dovrebbe essere alto. Possiamo proporgli di fare la stella marina e poi picchiettare i suoi piedi per andare avanti, come per fare un piccolo motore.

Stessa raccomandazione sul ventre: lo teniamo sotto le spalle e gli offriamo di fare il sottomarino con le bolle. Ancora una volta, metti un noodle sotto le braccia del bambino.

INTRODURRE IL BAMBINO AL NUOTO IN LEZIONI INDIVIDUALI O DI GRUPPO

Se non ti senti a tuo agio e hai paura di trasmettergli la tua apprensione, opta per le prime lezioni di nuoto intorno ai 6 anni.
In alcuni casi, per evitare tensioni o opposizioni tra te e tuo figlio, può essere utile anche affidarsi a una terza parte professionale.
Iniziando la sua educazione acquatica in giovane età e con i consigli del’istruttore, acquisirà buone abitudini. Verifica con la tua piscina comunale le condizioni e l'età richieste per i primi corsi di nuoto per bambini.

Ognuno si evolve al proprio ritmo, ma in genere è necessario un minimo di quindici sessioni affinché l’apprendimento si  realizzi. Durante queste lezioni, l'insegnante assicura la corretta acquisizione della coordinazione dei movimenti, che il bambino sappia mettere la testa sott'acqua e tirarla fuori per respirare.

Una volta assicurate queste basi, sei libero di continuare queste lezioni con la tua famiglia.

QUALE ATTREZZATURA PER INIZIARE BENE?

Poca attrezzatura necessaria: un cappello, un asciugamano, un costume da bagno o un pannolino, un paio di occhiali e via!
Imparare a nuotare in quanto tale viene spesso fatto senza aiuti al galleggiamento, in modo che il bambino impari a gestire il peso del suo corpo nell'acqua. Tuttavia, può essere utile in determinate situazioni per garantire un minimo di galleggiamento, soprattutto per le sessioni di gioco o se il bambino ha paura dell'acqua. Lo aiuteranno a guadagnare fiducia.

Come genitori possiamo anche essere rassicurati di poter contare su questa sicurezza. Per i più piccoli si opta per la boa, i braccioli, poi per il gilet da bagno. Puoi equipaggiarlo con una muta in neoprene anti-UV, anche per evitare che prenda freddo, soprattutto all'aperto.

Per alcuni esercizi di apprendimento, possono essere utili i foam noodles o le tavolette da nuoto. Supporti divertenti come anelli zavorrati o un percorso acquatico possono migliorare alcune sessioni quando il bambino si sente a proprio agio con l'immersione.

Initier son enfant à la natation : comment faire ?

Con tutti questi consigli, sei pronto per tuffarti in acqua per introdurre il tuo bambino al nuoto!

QUESTI CONSIGLI POSSONO INTERESSARTI