Quale attrezzatura serve per iniziare la pesca con il method feeder?

La pesca con il method feeder è molto efficace sui grossi ciprinidi (carpe grandi e piccole, breme, carassi, ecc.). Questa tecnica  si può praticare su lunghe distanze e consiste nel tenere la pastura vicina all’amo grazie a un pasturatore detto “method”. Scopri qui come iniziare.

pasturatore

la CANNA

La canna è un elemento essenziale di questa pesca. A differenza della pesca a feeder classica, nel method feeder le abboccate sono facilmente visibili in quanto spesso pesce si autoallama grazie al potere autoferrante del method feeder stesso. 

Per lanciare lontano e combattere contro grossi esemplari, servirà una canna tra 3 e 3,90 m. Una canna da 3 m sarà perfetta per tutte le pesche a breve distanza (entro i 30m) mentre una più lunga ci permettarà di lanciare i nostri pasturatori a grande distanza con precisione

Le canne si differenziano anche per la loro potenza, che varia in base alla grammatura del method. Scegli quella più adatta al tuo spot. Monta un vettino con una potenza maggiore rispetto al peso del method che stai usando, la tua precisione di lancio aumenterà.

Perciò l'azione parabolica sarà da preferire per non slamare i pesci durante il recupero visto che in questa tecnica si impiegano dei terminali molto corti.

canne_feeder.jpg
3000 RDX

il MULINELLO

Per la pesca con il method, scegli una taglia compresa tra 3000 e 4000 in base alla quantità di filo o trecciato che vuoi usare. Il recupero del filo per giro di manovella (TMV) va da 70 cm a 1 m, quanto basta per pescare nella maggior parte delle situazioni. Più alto sarà, più in fretta potrai recuperare il pasturatore o il pesce per poter guadagnare tempo.

I FILI

Consigliamo di usare un nylon poco elastico per sentire la minima abboccata. In base al peso del feeder, usa un nylon da 0,20 a 0,30 come lenza madre. Se vuoi avere un filo più resistente e sottile, usa un trecciato tra 0,10 e 0,16. Il trecciato trasmette meglio la minima abboccata.

le tipologie di method feeder

Esistono varie tipologie di method feeder che sono state progettate per far fronte a situazioni e distanze di pesca differenti. Scopriamole insieme:

Flat METHOD

La forma del method aiuta a lanciare facilmente a distanza con grande precisione . La parte centrale trattiene la pastura durante il lancio e la discesa sul fondo. Le particolari alette laterali fanno si che raggiunga rapidamente la superficie durante il recupero per limitare gli incagli e velocizzare l'azione di pesca.

method feeder
method elastico

METHOD ELASTICato

La forma del method aiuta a lanciare facilmente a distanza. L’elastico aiuterà a combattere contro grossi esemplari ed è ideale quando è necessario vincere la diffidenza delle prede con terminali sottili. In caso di pesca di velocità su pesce medio piccolo è molto utile per ridurre il numero di pesci slamati nel recupero.

HYBRID

La forma dell’hybrid aiuta a lanciare facilmente a distanza e grazie alla sua particolare forma è il modello più indicato per i fondali profondi in quanto possiede una maggiore capacità di trattenere la pastura durante la discesa. Può essere usato sia con gli sfarinati che con i pellet bagnati e inoltre può essere facilmente caricato a mano.

hybrid
pellet

PELLET feeder

La forma del method aiuta a lanciare facilmente a distanza la sua forma particolare lo rende ideale per la pesca con il pellet e i bigattini incollati grazie alla parte centrale che trattiene i pellet durante il lancio e la discesa sul fondo.

PASTURE e pellet

Per la pesca con il method esistono pasture già pronte: sono abbastanza collose per rimanere nel pasturatore durante il lancio ma anche disperdenti per creare una nube massimizzando l’efficacia. Inoltre nelle acque commerciali è molto comune l'utilizzo di pellet di piccolo diametro opportunamente inumiditi per poter essere caricati sul method o pellet feeder. Ma quando utilizzare lo sfarinato oppure il pellet?
Nel periodo estivo e quando il pesce è in forte attività utilizza le pasture sfarinate, permetteranno al pesce di trovare più rapidamente l'innesco. In inverno con i pesci poco aggressivi il pellet ti permetterà di ridurre l'area pasturata e non rischiare di saziare il pesce presente in zona.