COME GESTIRE I TRAIL SOTTO LA PIOGGIA?

Il trail è una disciplina che richiede grande autonomia, su tutti i terreni ma anche con qualunque tempo. Che piova o che tiri vento, di giorno e di notte, gli allenamenti e le competizioni di trail ti spingono a superare il tuoi limiti. Quindi, per aiutarti a gestire le uscite e l'equipaggiamento, ti presentiamo i nostri 10 consigli per sfidare la pioggia nei trail!

Come gestire i trail sotto la pioggia?

DURANTE I TRAIL, CORRI SOTTO LA PIOGGIA!

Se prima della partenza o durante un trail la pioggia si autoinvita, probabilmente ti dirai che ci vuole ben altro per demotivarti. E hai proprio ragione! Ma per correre in condizioni ottimali anche sotto la pioggia e goderti la corsa, ecco qualche consiglio da mettere in atto durante l'uscita.

 

Fai attenzione agli appoggi. Se piove devi poter contare ancora di più sulla suola. Prima di tutto ti serve più tenuta, per non scivolare sulle rocce e sulle superfici lisce coperte d'acqua. Ma se la pioggia non accenna a smettere e il suolo diventa più pesante e fangoso, avrai bisogno anche di aderenza, per non impantanarti nel fango. Quindi se il meteo prevede pioggia già prima della partenza, prendi delle scarpe polivalenti.

 

Non prendere freddo. Se hai una tenuta adatta per la pioggia e rispetti il sistema dei 3 strati, le possibilità che la pioggia ti raffreddi mentre corri sono scarse… Quindi sta tutto nei momenti in cui sei fermo/a! Prima della corsa, ricordati di coprirti bene fino agli ultimi momenti prima della partenza. Inoltre, fai attenzione a non rimanere troppo a lungo senza muoverti e a non prendere freddo durante i rifornimenti.

 

Anche sotto l'acqua, bevi! Sia durante i rifornimenti sia mentre corri, ricordati di idratarti regolarmente. Uno degli effetti spesso sottovalutati della pioggia e del freddo è quello di diminuire la sensazione di sete. Quindi, anche se sei zuppo fradicio, continua a bere al solito ritmo.

 

Procurati una visiera. Ad un primo impatto il cappuccio della giacca da trail impermeabile potrebbe sembrarti non indispensabile per affrontare la pioggia per ore e finire comunque in un bagno di sudore, ma la sua utilità non si ferma ai tuoi capelli. Grazie alla visiera e al collo antitempesta, il cappuccio protegge anche il viso dalle raffiche e dalle gocce. Per avere più comfort e visibilità durante il trail. Inoltre, il nostro cappuccio ergonomico segue i movimenti della testa mentre corri, quindi perché privarsene?

 

Proteggiti anche dal rumore. Ovviamente lo scopo primario della giacca impermeabile da trail è proteggerti dal vento e dalla pioggia offrendoti la libertà di movimento necessaria per correre, ma una qualità spesso sottovalutata è la sua discrezione. Non a livello visivo, non preoccuparti: è sempre bene essere visibili quando c'è brutto tempo. Stiamo parlando di "discrezione acustica!. Quando corri con un indumento impermeabile per diverse ore, l’assenza di rumore provocato dagli sfregamenti e dai movimenti aggiunge un tocco di grande comfort alla tua corsa.

DOPO IL TRAIL, PRENDITI CURA DELLA TUA GIACCA IMPERMEABILE

Una volta concluso il trail, è il momento di pensare al recuperoe alle cure, per te ma anche per il tuo equipaggiamento! Quindi, come fare per lavare ed asciugare la giacca da trail, sottile e impermeabile, senza rovinarla? Ecco i nostri consigli:



Quale programma usare in lavatrice? Niente di nuovo, consigliamo un programma per capi sintetici a 30 o 40° :)



I consigli classici per gli indumenti sportivi.

Evita di mischiare i materiali ed i colori onde evitare brutte sorprese!

L'ammorbidente e la candeggina rientrano nell'elenco dei prodotti da non usare per gli indumenti sportivi.

Ricordati di togliere tutte le parti non lavabili: durante il bucato è proprio come durante il trail, bando al superfluo!

Potrebbe sembrare scontato, ma ricordati di svuotare le tasche. Le carte delle barrette e dei gel non hanno bisogno di un giro in lavatrice.



E i consigli specifici per gli indumenti impermeabili.

Passiamo qui alla delicatezza, ben meritata dopo un trail sotto la pioggia. In programma (quindi della lavatrice):

Ricordati di allentare le cinghie e le parti elastiche, di chiudere le fasce a strappo, di girare gli indumenti impermeabli per lavarli a rovescio e di chiudere le zip e le allacciature.

Non caricare troppo la lavatrice, non piegare gli indumenti nel tamburo e usa un detersivo delicato.

Infine, imposta una centrifuga a bassi giri e un risciacquo abbondante o anche doppio.



Finalmente all'asciutto!

Dopo tutta questa pioggia, concludiamo con l'asciugatura, anche in questo caso molto soft. Lascia asciugare gli indumenti impermeabili all'aria, su uno filo o su uno stendino ma, soprattutto, non metterli sul calorifero o vicino a fonti di calore.



Finiamo con un ultimo consiglio: quando gli indumenti sono asciutti (non prima, è molto importante!), puoi metteri per 10 o 15 minuti nell'asciugatrice con programma per capi sintetici, in modo da riattivare l'idrorepellenza del tessuto!