Scoprire la ginnastica per bambini(1-6 anni)

SCOPRIRE LA GINNASTICA PER BAMBINI(1 - 6 ANNI)

Ha appena spento due candeline e scopre con gioia, giorno dopo giorno, il modo di far funzionare le braccia, le gambe e di muoversi. Potrebbe essere il momento di fargli iniziare a fare ginnastica?

IN GENERALI CONOSCI TUTTI I BENEFICI DELLO SPORT PER GLI ADULTI. EBBENE, LO STESSO VALE PER I PIÙ PICCOLI!

 

E il fatto di essere ancora molto piccoli non impedisce certo loro di scoprire il piacere di alcune attività! La psicomotricità è una delle rare attività accessibili a partire da 1 anno! Non hai fatto in tempo ad iscrivere tuo figlio in un'associazione sportiva, e sei impaziente di fare provare al tuo bambino il piacere di questa attività Niente panico, i percorsi e gli accessori per la psicomotricità si possono anche mettere in soggiorno, che diventerà un vero e proprio campo giochi!

CHE COS’È LA PSICOMOTRICITÀ?

In un modo assolutamente divertente, la psicomotricità o ginnastica di risveglio, ha lo scopo di aiutare i bambini a scoprire le proprie capacità motorie e a svilupparle, grazie a diversi esercizi.

Saltare, strisciare, lanciare, afferrare, arrampicarsi e mantenersi in equilibrio fanno parte integrante di questa attività che, col fatto di essere particolarmente divertente per i piccoli praticanti, contribuisce al corretto sviluppo della loro motricità. Le attività ginniche si possono praticare in un'associazione ma anche in casa. Il soggiorno o la cameretta possono diventare un vero campo giochi, con tunnel, una trave (che può essere una semplice linea tracciata o il motivo di un tappeto), ostacoli e palle.. e molto altro! La psicomotricità si pratica grazie a diversi attrezzi che, una volta installati, formano un percorso di mobilità. Realizzando questi esercizi, il bambino lavora sulla coordinazione degli arti, impara a collocare il corpo nello spazio, individua gli appoggi su cui può contare e sviluppa l'equilibrio. Tutto questo senza proprio rendersene conto, perché sarà troppo occupato a muoversi, a ridere e a divertirsi! E tu con lui! La psicomotricità costituisce un'ottima base per passare poi ad un'altra disciplina sportiva e, soprattutto, per invogliare il bambino a continuare a fare attività.

LE REGOLE DEI PERCORSI DI MOTRICITÀ

Francamente è difficile stabilire delle regole con bambini molto piccoli!

Ma l'idea della psicomotricità è quella di permettere ai bambini di effettuare il percorso completo, realizzando gli esercizi che permettono loro di arrampicarsi, saltare, lanciare e riprendere, strisciare e mantenersi in equilibrio. Ovviamente i più piccolini andranno aiutati, in particolare per riuscire a fare le loro prime capovolte! Ma, seduta dopo seduta, il bambino riuscirà a fare il percorso da solo. Una bella gratificazione per lui e anche un modo per vedere che, continuando a ripetere e ad allenarsi, può farcela!

ATTIVITÀ GINNICHE PER BAMBINI, QUALI SONO I BENEFICI?

Realizzare con entusiasmo tutti questi movimenti autorizzati è prima di tutto una grande fonte di divertimento per i bambini, che scoprono il piacere di essere attivi e di usare il proprio corpo come preferiscono!

Poi, ovviamente, questa attività, grazie ai vari esercizi e movimenti che propone, contribuisce attivamente allo sviluppo motorio dei bambini. Concretamente, aiuta ad azionare bene questa macchina che è il corpo e ad individuarne i comandi. Permette di coordinare alcuni sensi, come la vista, con movimenti e riflessi, di capire la propria posizione nello spazio e di sentire i muscoli e le articolazioni. In più, la psicomotricità e la ginnastica di risveglio, praticate in un'associazione permettono di incontrare i propri compagni e obbligano a rispettare alcune regole necessarie per il corretto svolgimento della seduta. A mano a mano che riesce a realizzare gli esercizi, il bambino acquisisce autonomia e aumenta la fiducia nelle proprie capacità e, più in generale, in sé stesso. Infine, la ginnastica di risveglio è anche un'occasione per rafforzare il legame genitori-bambino, trascorrendo insieme un momento divertente incentrato sull'attività.

PER CHI È ADATTA LA PSICOMOTRICITÀ?

Se sei riuscito/a a leggere bene l'inizio di questo articolo probabilmente non sei nella fascia di età adatta per darti al divertimento della ginnastica di risveglio!

Quest'attività è progressivamente accessibile ai più piccoli, in media a partire da un anno, quando iniziano a camminare. Ma nel mentre, chi inizia un po' più tardi a camminare può comunque divertirsi gattonando nel tunnel. Esistono anche delle associazioni a cui si possono iscrivere i piccoli affetti da disabilità. Ciascun bambino cresce in modo diverso e con un proprio ritmo. Non tutti sapranno fare lo stesso esercizio alla stessa età, non preoccuparti!

L’EQUIPAGGIAMENTO NECESSARIO PER LA PSICOMOTRICITÀ

Per fare in modo che il bambino sia a proprio agio sul percorso, senza nessun fastidio, la tuta può andare benissimo. Deve essere adatta per la sua altezza, in modo da non muoversi quando il piccolo sportivo in erba salta, striscia o si arrampica. Un paio di scarpette sportive saranno l'ideale.

 

Riassumento, la pratica della psicomotricità presenta solo vantaggi: sviluppo motorio, socializzazione, stima di sé, rispetto delle regole... E poi, soprattutto, è l'occasione per rendere felice il tuo piccolo e permettergli di trascorrere una buon notte. E se lui dorme bene, lo stesso vale per i genitori…

 

E tu, hai fatto fare psicomotricità al tuo bambino? Cosa ne pensi?

INIZIO PAGINA