PERCHÉ SI CONSIGLIA DI PORTARE UN CASCO DA SCI?  

    Lo sapevi che le lesioni alla testa sono al secondo posto tra gli infortuni causati da incidenti negli sport invernali? Peraltro, solo il 56%* tra gli adulti porta il casco. Davvero troppo pochi, quando conosciamo bene l'effetto che uno shock può avere alla testa!

 

 

     

     

 

 

 

 

 

Sebbene oggi il 95% dei nostri bambini indossi il casco e fino all'89% tra gli adolescenti lo porti regolarmente, siamo solo il 56% a usarlo, tra gli adulti.

IL RAPPORTO TRA INFORTUNI E TRAUMA CRANICI

I medici di montagna sono in prima linea nell'osservare le conseguenze degli incidenti degli sport invernali. L'associazione dei medici di montagna, che raggruppa quasi 300 medici generalisti insediati nelle stazioni invernali francesi, ha creato un osservatorio sugli incidenti in montagna e dal 1992* sono stati registrati più di 20.000 incidenti.

 

Così, sappiamo che su 8 milioni di praticanti degli sport invernali, si registrano il 2% di infortunati, di cui il 3% sono trauma cranici, sono quindi circa 4.500 persone toccate ogni anno da questa patologia. Con conseguenze, a volte, davvero molto gravi.

SIAMO TUTTI COINVOLTI

Sophie Claude, medico nella stazione di sci a La Clusaz vede regolarmente, nell'esercizio della sua professione, le conseguenze degli shock alla testa causati da incidenti con sci, snowboard o addirittura, slittino. E si è resa conto che tutti possono esserne coinvolti: "Mi ricordo di questo paziente di 82 anni che sciava solo e senza casco, perché lui non cadeva mai … Si, ma ecco, è stato travolto da un altro sciatore. Ne è uscito bene, ma è comunque stato in osservazione per 48 ore in ospedale."

 

Sophie, lei, porta un casco quando scia? " Si, porto il casco, per la mia sicurezza e soprattutto per dare l'esempio ai miei bambini, ma anche a tutti gli adulti che non lo portano." Vorrebbe che anche i professionisti dello sci, come maestri e soccorritori, facessero uno sforzo in tal senso, dando a loro volta l'esempio?

 

"I deficit o le conseguenze che possono derivare da trauma cranico sono estremamente diversi tra loro, a seconda del tipo di shock. Se il 90% delle vittime recupera entro 6 mesi un trauma cranico lieve, quando è più grave, questo può causare un coma e lasciare strascichi come una paralisi, difficoltà di equilibrio, problemi di memoria, ecc ... Oggi, il 3% delle lesioni a causa di un incidente sulle piste da sci sono ferite alla testa. " spiega Sophie.

PORTARE IL CASCO: UN GESTO CHE DEVE DIVENTARE NATURALE

Aurélien Laurent non scia mai senza casco, che sia in pista o fuoripista. Soccorritore nel comprensorio di La Clusaz da 8 anni, sciatore da più di 30 anni, per lui portare il casco è un gesto naturale. "Quando si scia in un bosco o fuoripista, si tende a pensare al casco, ma anche la pista, oggi, è pericolosa. Le piste sono meglio preparate, gli sciatori hanno perciò la tendenza ad andare più forte, senza necessariamente esserne in grado… Le collisioni tra sciatori e gli shock a fronte di cadute sono sempre più violenti. E i rischi di trauma cranico importante, sempre maggiori."

 

 

 

 

LE BUONE RAGIONI PER PORTARE UN CASCO

La prima buona ragione per portare un casco da sci è dunque proteggersi la testa in caso d'incidente, perché è provato che indossare un casco permette di ridurre la gravità delle lesioni legate ad uno shock alla testa. E poi sceglierlo, significa adottarlo! "Una volta, non mettevo mai il casco, avevo l'impressione che mi desse fastidio e poi ero sempre prudente, quindi mi dicevo che non ne avevo bisogno. Un giorno, ho avuto un incidente, che mi ha fatto cambiare idea e investire per un casco da sci. E' strano, perché oggi non scierei più senza, perché mi tiene caldo, è comodo e mi sento più sicuro.»" Mathieu, appassionato di sci che indossa sempre il casco.

 

Infatti, calore, comfort, stile sono altre buone ragioni per portarne uno. Più caldo di un berretto, ce n'è uno per ogni testa, piccolo o grande, di tutte le forme, con diverse regolazioni per adattarsi a chiunque. Alcuni coprono le orecchie, altri no, alcuni hanno una visiera o un sistema d'aerazione o entrambi. Tutti hanno un gancio per la maschera da sci.

Se hai già portato un casco e questo ti dava fastidio, è senza dubbi solo perché non era della misura giusta! Un criterio importante scegliere correttamente il casco da sci!

 

I professionisti della medicina e della sicurezza in montagna sono concordi e consigliano tutti di portare un casco, per proteggervi in caso di caduta e shock alla testa sulle piste da sci. Oggi, i caschi da sci sono in più comodi e valorizzano il tuo completo in pista. Quindi, qualsiasi sia la ragione per cui porti un casco, non esistono ragioni per non portarlo!