L'IMPORTANZA DEL PERIODO TRA DUE STAGIONI IN MTB

Finisce una stagione, un'altra sta per arrivare… Ma non se ne parla di restare con le mani in mano! Il ben meritato riposo non significa inattività totale, infatti il periodo tra due stagioni è il momento che stabilisce le basi per l'anno successivo. Approfitta al meglio di questo periodo per prepararti!

FAVORISCI IL RECUPERO NEL PERIODO TRA DUE STAGIONI

Dopo numerose prove, la stagione appena trascorsa ti ha stancato sia sul piano fisico sia sul piano psicologico. Con l'arrivo del periodo di riposo, è tempo di rimetterti in sesto per poter continuare a progredire.

• SUL PIANO FISICO

I continui sforzi hanno esaurito le tue riserve e sicuramente ti senti stanco. La stanchezza viene amplificata dalla ripresa del lavoro dopo le vacanze estive, dalle giornate che si accorciano, dal freddo ed anche dal cambio dell'ora.

Un errore troppo frequente consiste nel ripartire in casa senza avere avuto il tempo di recuperare. È il modo migliore per essere in forma a dicembre e stanchi a febbraio... La stagione è rovinata da questo semplice errore.

Quindi la regola d'oro numero 1 per il periodo tra due stagioni è il recupero!

Approfittane anche per fare degli esami del sangue completi. Con il tuo medico, verificherai così di non avere delle carenze. Se ti mancano alcuni minerali, non c'è da preoccuparsi: il riposo, le zuppe di stagione e qualche accorgimento nutrizionale probabilmente basteranno a ritrovare l'equilibrio.

• SUL PIANO PSICOLOGICO

L'aspetto mentale occupa un posto importante nelle performance ciclistiche e in particolare in MTB. Infatti, devi imparare a gestire gli sforzi e a superare i tuoi limiti senza la protezione del gruppo e con tempi di recupero ridotti rispetto al ciclismo da corsa.

Senza questa capacità mentale, rischi di arrenderti o lasciarti andare e non sfrutti appieno il tuo potenziale.

Nel corso della stagione, le continue difficoltà a poco a poco ti sfiancano e diventa più difficile essere performante. Con questo tipo di stanchezza, il periodo tra due stagioni capita a puntino per rompere la routine e rinfrescare lo spirito.

La regola d'oro numero 2 del periodo tra due stagioni è quindi praticare altre attività fisiche.

Questa regola fa bene sia alla mente sia al fisico, infatti esistono tante attività complementari alla MTB.

Per approfondire questo approccio psicologico, rileggi il nostro articolo sulla preparazione mentale.

PERIODO TRA DUE STAGIONI, CURA E CORREZIONE DEI DOLORI

Ti sei trascinato qualche doloretto per tutta la stagione senza preoccupartene? Un dolore non è normale, è la conseguenza di un problema o di una regolazione non corretta.

Approfitta del periodo tra due stagioni per capire da dove proviene questo dolore. Senza conoscerne la causa è difficile farlo sparire!

Trova lo specialista che potrà seguirti in questa ricerca, che si tratti di un intervento medico o tecnico. Per poter agire sulle conseguenze è fondamentale lavorare sulle cause.

Allo stesso modo, se hai trascurato o curato male qualche piccolo infortunio, approfitta di questo periodo di pausa per curarti come si deve. Per avere una stagione ben riuscita non c'è niente di meglio che ripartire con un nuovo ciclo di allenamenti in pieno possesso dei propri mezzi.

QUALE ATTIVITÀ PRATICARE NEL PERIODO TRA DUE STAGIONI?

Il periodo tra due stagioni è anche l'occasione per praticare nuove discipline. Questo cambio di pratica sportiva fa bene sia sul piano psicologico sia su quello fisico.

Spezzando la routine, a poco a poco ritroverai il tuo entusiasmo. La stanchezza mentale della stagione piano piano se ne va. E questa fase di allenamento con attività complementari è interessante anche sul piano fisico.

Rimani attivo e integri le tue sedute di allenamento in MTB. D'accordo, ma che discipline praticare?

La scelta è ampia e dipende dal tuo tipo di pratica, dai tuoi obiettivi e dai tuoi gusti.

Il mio consiglio: sii regolare nella pratica e divertiti. Se ti piacciono anche altri sport, il periodo tra due stagioni è il momento ideale per dedicarti ad essi. Ecco qualche esempio di sport che puoi praticare nel periodo tra due stagioni:

NUOTO

Il nuoto è sicuramente una delle discipline più facili da sfruttare tra due stagioni ciclistiche perché non dipende dalle condizioni meteo.

Tuttavia, preferisci lo stile libero e il dorso e, soprattutto, non nuotare a rana! Infatti quest'ultimo stile sollecita molto le ginocchia e potresti rischiare degli infortuni.

Se non sai nuotare molto bene, prendi qualche lezione. In questo modo potrai rapidamente diventare efficace e approfittare al massimo delle ore di nuoto.

• RUNNING

Prima di lanciarsi nella pratica di questo sport, è necessario prendere qualche precauzione.

Correre non si improvvisa, abbiamo tutti delle vecchie scarpe che aspettano da mesi nell'armadio. Metti subito da parte l'idea di usarle per correre. La maggior parte dei ciclisti che si infortuna correndo tra due stagioni ciclistiche è incorsa in infortuni perché non ha usato le scarpe adatte.

Se non corri da tanto, all'inizio alterna running e walking. Una seduta da 20 a 30 minuti è  ampiamente sufficiente per le prime volte.

Ascolta anche il tuo corpo, al minimo dolore, soprattutto alle ginocchia, fermati e curati. Infine, non trascurare lo stretching e l'idratazione dopo ogni seduta di running.

• BODY-BUILDING

Praticare body-building tra due stagioni ciclistiche è una scelta molto sensata. Ti mantieni in forma e rafforzi la muscolatura.

Nella maggior parte delle palestre puoi trovare un istruttore che potrà spiegarti gli esercizi da eseguire e le posizioni corrette per evitare infortuni.

Parlagli della tua pratica ciclistica, così potrà farti realizzare esercizi più mirati e utili.

In realtà non esiste uno «sport sbagliato» da praticare nel periodo tra due stagioni. Scegli di praticare ad intensità moderata e rispetta sempre alcune precauzioni per evitare di infortunarti.

Troppo spesso il periodo tra due stagioni viene trascurato, mentre in realtà è la base della stagione successiva. Commettere degli errori in questo periodo sarebbe come costruire una casa senza fondamenta. Allora, per pedalare lontano, abbi cura della tua 2 ruote…

INIZIO PAGINA