La scelta della ruota giusta per la MTB

ovvero come orientarsi in una selva di offerte molteplici e variegate

di Simone Greco

La scelta che disturba il sonno di molti biker, che riempie di dubbi e spesso mette di fronte ad un bivio è la scelta delle ruote da utilizzare sulla nostra mtb.
E' sotto gli occhi di tutti che nel mondo della mtb, negli ultimi anni, c'è stata una ventata di novità ed un gran numero di innovazioni tecnolgiche.

Vediamo quindi quali sono i vantaggi e gli svantaggi delle varie alternative offerte dal mercato attuale.

La ruota completa

Le possibilità sono date dai brand dei singoli componenti ma anche dai produttori di set di ruote complete.
La ruota completa, ovvero quella concepita ed assemblata in tutte le sue parti da un singolo produttore, ci offre la tranquillità che tutti gli elementi ovvero mozzi, raggi e cerchi siano stati progettati per lavorare insieme garantendo una affidabilità complessiva spesso imbattibile. La ruota completa nella maggioranza dei casi offre un rapporto tra qualità, prestazioni, prezzo ed affidabilità spesso inavvicinabile da altre soluzioni. La ruota completa nasce con una destinazione d'uso e utilizzandola nel modo corretto potremo godere dei suoi vantaggi a lungo.

Ruote "a la carte"  

Ma se il set di ruote complete offre il massimo dell'equilibrio nelle sue caratteristiche, quali sono i motivi per cui una alternativa può sedurre il nostro portafogli?
La riduzione massima del peso, la ricerca di componentistica raffinata o la più semplice personalizzazione possono essere motivi validi per scegliere di assemblare un set di ruote “a la carte”, cioè assemblati.
Tralasciando l'argomento mozzi e raggi, puntiamo la lente sull'offerta attuale di cerchi.
I cerchi per camera d'aria si possono dire relegati al montaggio più economico, primo montaggio, o negli utilizzi gravity (ma con sistemi di doppie camere tipo “Pro Core” o “Dan Easy”).
I cerchi per tubolari sono ridotti ad una piccola nicchia di estimatori che, pur di godere della maggior tenuta generale, sono disposti a spendere circa il doppio per acquistare i copertoni ed a rischiare di rimanere a piedi in caso di forature importanti. 
Il “tubeless ready” è oramai lo standard più affermato ed è quello che offre la più ampia scelta.
Grazie ai nuovi sistemi di produzione e allo sviluppo dei materiali si possono utilizzare cerchi con canale più largo che in passato, mantenendo basso il loro peso.

Scegliere la larghezza del cerchio

Ma come scegliere la larghezza del cerchio? 
In linea di massima un cerchio largo permette un impronta a terra del battistrada maggiore ed una tenuta migliore ma anche una maggiore rigidità della ruota che richiede maggiore abilità di guida nei tratti più rotti o rocciosi. Nel cross country il peso va tenuto sempre basso quindi di solito si sceglie un cerchio con canale interno da 21-28 mm, con gomme da 2,1-2,25”. Nel trail la larghezza passa a 25-30mm con gomme da 2,25-2,40”.
Per l'enduro la scelta andrà su 25-35mm e gomme da 2,35-2,50.

Altra scelta si pone tra cerchi “hooked” e cerchi “hookless”.
In sostanza tutti i cerchi hanno sulla faccia interna del canale un “dentino”che trattiene la copertura in posizione in fase di gonfiaggio ed alle basse pressioni.
Il cerchio “hookless” di fatto si presenta con le facce interne del cerchio lisce sfruttando la maggior precisione costruttiva delle attuali coperture e dei loro rigidi cerchietti interni in kevlar, a vantaggio di una ruota più robusta e di maggior feeling di guida. Altro particolare importante è l'aumento della larghezza delle battute dei telai che oltre a garantire “passaggi ruota” maggiori favorisce il montaggio di ruote con una campanatura simmetrica, quindi più affidabile e precisa.

 

Insomma scegliere di montare delle ruote personalizzate può rivelarsi una scelta azzeccata se ci si informa bene e si scelgono i componenti giusti, ma non meno importante risulterà il montaggio che deve essere fatto da mani esperte e con la giusta precisione per poter apprezzare a lungo i vantaggi dei singoli componenti e non rimpiangere i soldi investiti.

Ora abbiamo molti elementi in più per scegliere bene, allora avanti fate la vostra scelta della ruota ideale per la vostra MTB!

 

 

5sfd

Simone GRECO

Sport Leader Decathlon Surbo

AMBASCIATORE ROCKRIDER ITALIA

Scopri gli altri consigli

Consigli
Meritato riposo non significa inattività totale, perché il periodo tra due stagioni è il momento che pone le basi per l'anno a venire. Sfrutta al meglio questo periodo per prepararti!
Consigli
Ci sono moltissimi sport da poter praticare, ma la pratica MTB rappresenta uno sport particolarmente interessante e vantaggioso per la tua salute. Scopri perché ...
Consigli
Uscite mal preparate o mal organizzate, una bici inadatta o in cattive condizioni e tutto può trasformarsi in una brutta e noiosa uscita. Ecco alcuni suggerimenti per affrontare al meglio un'escursione in mountain bike ...
Consigli
I pedali a sgancio rapido da MTB sono molto più semplici dei pedali automatici disegnati per la bici da corsa. Perchè ? Come sceglierli ? Scopri i nostri consigli !
INIZIO PAGINA