IL LESSICO DELL'ARRAMPICATA

Livello 1

« Ho perso una tacca da primo e sono volato sul passo chiave » questa frase per te non ha alcun significato?Non durerà: ti abbiamo preparato il lessico delle parole da conoscere per arrampicare.

Sport tecnico, con un vocabolario che non è da meno. Scopriamo insieme le sue parole chiave per facilitarne la comprensione.
NUMBER-ONE

LE DIVERSE DISCIPLINE

Così come nella scherma abbiamo il fioretto o la sciabola, il calcio a 7 o 11 ...Anche l'arrampicata viene praticata in molti modi e su molti terreni, per non annoiarsi mai!

SCALARE

Nel gergo di chi arrampica, si dirà piuttosto "vado a scalare" che "faccio un'arrampicata".

DIFFICOLTÀ

È spesso quello che abbiamo in mente, quando pensiamo "arrampicata".L'obiettivo è arrivare in cima a una via, assicurato con una corda, avanzando usando delle prese.

Che sia in sala o in falesia;da primo o in moulinette, su uno o più tiri (ti spiegheremo tutto più avanti!)...

BLOCCO

Un blocco è una concatenazione di movimenti, più corto rispetto ad una via. Lo si affronta senza corda, né imbrago. Per attutire le cadute posizioniamo tappeti molto spessi ai piedi dei blocchi: i «crash pad » (in indoor, tappeti ad hoc si trovano già disposti ai piedi delle vie). All'esterno, oltre ai crash pad, è necessario essere "parati" (cioè "assicurati" dai compagni che si trovano dietro chi arrampica, per attutire e dirigerne la caduta verso il crash-pad). 

VELOCITÀ

Si tratta un po' dei 400 metri ostacoli dell'arrampicata. L'obiettivo? Raggiungere il più velocemente possibile la sommità di una parete!È una parete omologata, che ha sempre la stessa altezza, la stessa inclinazione, le stesse prese nelle stesse posizioni (e quindi lo stesso grado di difficoltà), per poter confrontare i risultati degli arrampicatori. 

COMBINATA

Ultima disciplina scelta dal Comitato Olimpico, L’arrampicata parteciperà alle prossime Olimpiadi, nel 2020 (YES!). Per questa première, sarà in “combinata”: cioè, un misto tra le varie discipline: i blocchi, la velocità & la difficoltà.

lessico-arrampicata-scalata-parole-chiave-glossario-vocabolario
NUMBER-TWO

COMUNICARE CORRETTAMENTE CON IL PROPRIO ASSICURATORE

È LA priorità per la tua sicurezza e anche per farsi capire immediatamente e bene nei passaggi più impegnativi.

CORDATA

Legati ad una corda, chi arrampica e il suo assicuratore formano la cordata.

ASSICURATORE / ASSICURARE

L’assicuratore è quello che... assicura. Assicura chi arrampica, ma soprattutto la propria sicurezza. In moulinette e soprattutto da primo, il suo ruolo è di primaria importanza, perché sarà grazie alla sua anticipazione, se, cadendo, chi arrampica non si farà male.(si parla di assicuratore anche per designare un sistema d'assicurazione - vedi la parte materiale).

PARARE

Nei blocchi, poiché chi arrampica non è legato, chi para si mette dietro di lui per ammortizzarne la caduta o almeno orientarla verso i crash pad.

RECUPERA

Quando si arrampica da primo, dopo aver messo un rinvio per esempio, si può gridare "recupera" al proprio assicuratore. Significa che chi assicura potrà riprendere un po' di corda "data" in precedenza, per tenderla di nuovo il giusto .

BLOCCA, LASCIO o PRENDIMI

Quando si è in difficoltà su una via, in modo che l'assicuratore tenda la corda al massimo e possa riposare appendendosi al suo imbrago.

ASSICURATO IN SOSTA

All'aperto, quando arrivi in cima a una via e devi fare le manovre di corda, ti assicuri usando una longe.Comunichiamo al nostro assicuratore che ci può dare corda per le manovre necessarie, gridandogli "assicurato in sosta".

CORDA

Quando assicuriamo, corda significa mettere più corda tra noi e chi arrampica. Chi arrampica da primo potrà utilizzare questo «surplus» di corda per rinviare.

MOSCHETTONARE

Passare la corda nel rinvio (o la sosta) quando si arrampica da primo.

NUMBER-THREE

DESCRIVERE LE PROPRIE PERFORMANCE & IL PROPRIO STATO DI FORMA

GRADO

È il livello di difficoltà di una via/blocco, è composto da un numero e da una lettera -tra A e C-. Più il numero è alto e la lettera crescente, più la via è dura: 4A, 4B, 4C, 5A, 5B, 5C, 6A… (ad oggi, il grado + duro conosciuto è 9B+).

Se pensiamo che la via sia tra 2 gradi possiamo anche aggiungere un "+": 5B+ sarà quindi più difficile di 5B (e un po' meno di 5C).

Attenzione, i gradi non sono gli stessi tra blocchi e vie; e con la lunghezza, la difficoltà di uno stesso grado non sarà lo stesso tra una via in falesia e una via lunga. Se vai ad arrampicare all'estero, i gradi possono variare: nelle cartine, ci sono tabelle di corrispondenza.  

LEGGERE / LETTURA

Prima di partire per un'arrampicata a vista, leggo la via. Questo per dire che studio dal basso dove passerò, come penso di posizionarmi, quando moschettonare un rinvio o riposarmi.

DA PRIMO

Partire su una via, passando la corda nei rinvii per assicurarmi, salendo.

IN MOULINETTE / DALL'ALTO

Al contrario dell'arrampicata "da primo", facciamo una moulinette quando la corda è già passata nella sosta (nella parte superiore della via).

DA SECONDO

In una via di più tiri, il primo che arrampica sale in testa. Una volta raggiunta la sosta, si sistema per assicurare il suo secondo, che sale così in moulinette.

CHIUDERE

Concludere la via senza mai riposarsi (seduto nell'imbrago, sospeso alla corda e quindi supportato dal suo assicuratore).

A VISTA

Chiudere una via al primo tentativo senza avere avuto una dimostrazione o una spiegazione.

LAVORATO

Quando si chiude una via dopo molti tentativi e aver lavorato sui movimenti.

PASSO CHIAVE

IL passaggio difficile della via o del blocco.

SBERLA

“Ho preso una sberla”...Convinto del contrario e di esserne all'altezza, un arrampicatore che ha preso uno schiaffo, ha fallito, perché non è riuscito a chiudere la via.

X (ICS)

Apporre la propria X significa "fatta", realizzare l'obiettivo e chiudere la via. (Sei autorizzato perfino a dire "ho crociato" !)

GHISA

Abbiamo la ghisa quando gli avambracci sono pietrificati dall'acido lattico dopo uno sforzo intenso e pesanti - appunto - come la ghisa. A quel punto, sono cotto...

COTTO

Andato, esploso, K.O… Senza più lacrime da piangere!

SCIOGLIERE

Rilasciare e scuotere le braccia per cercare di disperdere l'acido lattico e recuperare così energia per finire la via.

VOLO / PIOMBO

Hai sempre sognato di volare? In arrampicata, "prendere un volo" (o un piombo) non è sinonimo di vittoria, ma piuttosto di una bella caduta ... spesso accompagnato da qualche piccolo urlo!

ZIPPATO

È il fatto di scivolare perché non abbiamo messo abbastanza peso sugli appoggi (piedi o mani).

lessico-arrampicata-scalata-parole-chiave-glossario-vocabolario

OBIETTIVO PERFORMANCE?

Per te l'arrampicata è una cosa seria, vuoi migliorarti, anche per la performance!?

In quel momento capirai che l'obiettivo è chiudere, a vista e in testa. Quindi, qualunque sia il tuo livello ... A te le scarpette!

NUMBER-FOUR

TECNICHE & MOVIMENTI

MUOVI

Poiché ci piace il nostro gergo, un arrampicatore usa spesso le abbreviazioni, qui avrai capito che parliamo di movimento, di una particolare postura da adottare su una sezione della via, per riuscire a chiuderla

PIEDE-MANO

Figura che consiste nel portare il piede su una presa dove avevamo la mano (valutazione estetica = 20/20;).

LANCIARE / FARE UN LANCIO

Saltare alla presa successiva quando è troppo lontana.

NO FOOT

Passaggio effettuato in trazione, utilizzando solo le mani, senza mettere i piedi. Succede soprattutto nei tetti.

ADERENZA

Mettere i piedi in aderenza, è usare il rilievo nella roccia o il muro della sala, senza l'aiuto delle prese per bilanciarsi o andare in progressione ...Allora, osa!

DOPPIA

Quando arrivi in cima a una via, a meno che tu non abbia un percorso accessibile per tornare a piedi, la doppia è obbligatoria.Questa tecnica consiste nel mettere una corda in sosta, verso la base della parete (o della sosta successiva) per essere in grado di assicurarsi e di scendere (su corda) con l'attrezzatura adeguata.

DISARRAMPICARE

Ridiscendere lungo una parte o tutta la via, "arrampicando" verso il basso (per rifare un movimento, per terminare il riscaldamento o per recuperare attivamente).Non stiamo parlando scendere a testa in giù come l'uomo ragno, ma piuttosto di una "marcia indietro".

lessico-arrampicata-scalata-parole-chiave-glossario-vocabolario
NUMBER-FIVE

TERRENO DI GIOCO: RILIEVI E PRESE

CARTA

Guida a un sito di arrampicata. Permette di conoscere i percorsi delle vie o dei blocchi, le loro difficoltà ecc..

ESPOSTO

Quando il passaggio è aereo, c'è molto vuoto / aria.

PLACCA

Parete piuttosto liscia e poco inclinata.

/ PARETE AGGETTANTE

Parete la cui inclinazione forma un angolo acuto rispetto al suolo.

TETTO / STRAPIOMBO

Uno strapiombo è un passaggio della parete che continua improvvisamente nel vuoto, parallelo al terreno.

CAMINO

Quando due pareti del muro sono una di fronte all'altra, l'arrampicatore può avanzare in opposizione tra le due pareti.

DIEDRO

Quando una parete è perpendicolare all'altra. Formano allora un angolo, un diedro.

VIA

Itinerario / percorso che porta alla vetta. In palestra, una via è formata da prese dello stesso colore.

TIRO

Un tiro è una parte di una via lunga, tra due soste.

PRESE

Naturali o artificiali sono le asperità del rilievo o gli inserti in resina utilizzati per la progressione in parete.A seconda della loro forma o profondità, hanno diversi nomi:svasa, pinza, microtacca, rovescia, monodito, tacca…

PAUSA
È
il fatto di prenderci una pausa per recuperare lungo la strada, spesso ne approfittiamo per scioglierci i muscoli. Possiamo fare una pausa rimanendo autonomi tenendo la presa; oppure riposandoci completamente appesi all'imbrago e lasciando tutte le prese (nel secondo caso, non chiudiamo la via).

BASE

Zona (più o meno) piatta in falesia, dove si può stare a riposare o assicurare.

SOSTA

In cima alla via, c'è l'ancoraggio dove si arriva a passare la corda (con una specifica manovra in falesia o semplicemente facendola passare nei moschettoni, in sala) per preparare una moulinette, assicurare la propria discesa o per assicurare il secondo.

RIBALTAMENTO

Possiamo chiamare così il passaggio di uscita di un tetto o di un blocco . In uscita da un tetto, di solito ci si deve spostare da una posizione in cui si è piuttosto sospesi (a causa dell'inclinazione), in una posizione in cui si ritorna in appoggio alle prese.In blocco, il movimento è molto simile all'uscita da una piscina: appoggiandosi tutto sulle braccia ... da qui la famosa espressione "reta piscine"!

NUMBER-SIX

E RISPETTO ALL'ATTREZZATURA?

LEGARSI

Legare la corda al proprio imbrago con un nodo di sicurezza (l'otto è quello più spesso raccomandato).

IMBRAGO

L'imbrago è ciò che permette di legarsi per arrampicare in tutta sicurezza. La sua costruzione consente di distribuire lo shock, in caso di caduta.

CRASH PAD

Tappeto molto spesso che utilizziamo ai piedi dei blocchi, per attutire le cadute.

OTTO

Il nodo a 8 è la base dell'incordatura dell'arrampicatore. Come assicuratore, possiamo usare il sistema di assicurazione eponimo.

DISCENSORE / SISTEMI DI ASSICURAZIONE / ASSICURATORE

Attrezzatura che permette all'assicuratore di garantire la sicurezza di chi arrampica. Ne esistono di diversi tipi: autobloccanti o no, per corda intera o mezza...

RINVII

2 moschettoni collegati da una fettuccia formano il rinvio (fanno il paio). Da primo, si passa la corda nei rinvii per assicurare la propria progressione.

MAGNESITE / POF

Polvere di magnesio che mantiene le mani asciutte per prendere bene le prese e non scivolare. È la stessa che usiamo sulle attrezzature da palestra.

magnesite-liquida-arrampicata-mani

Vuoi diventare un esperto? Resta connesso, abbiamo previsto un livello 2 a breve. Nel frattempo, sentiti libero di condividere le tue impressioni nei commenti!
INIZIO PAGINA